Abd ar-Rahman as-Sufi

Liber locis stellarum fixarum, 964

 

Abd ar-Rahman as-Sufi (903-986)

 

Liber locis stellarum fixarum, 964

 

Le tavole miniate che presento  sono tratte da un manoscritto del quindicesimo secolo in deposito presso la Forschungbibliothek di Gotha in Germania conosciuto come  Pergamenthandschrift M II 141.  Si tratta di una delle numerose edizioni del Liber locis stellarum fixarum che Al Sufi scrisse nel 964 per tradurre dal greco l’ Almagesto di Tolomeo e che riconsegnava al mondo medievale, aggiornandole e correggendole, le conoscenze del cielo stellato della cultura greca rimaste dimenticate per quasi mille anni. Questo manoscritto ha la caratteristica di rappresentare con tratti stilistici occidentali le figure delle 48 costellazioni tolemaiche.

 Pergamenthandschrift M II 141 è stato oggetto di studio da parte di Gotthard Strohmaier che nel 1984 scrisse il saggio Die Sterne des Abd ar-Rahhaman as-Sufi, pubblicato nella RDT dalla Gustav Kiepenheuer Verlag  di Leipzig und Weimar, e dal quale sono tratte le immagini che riproduco nella colonna di destra di questa pagina. 

 

 

 Particolare di una tavola che presenta la costellazione di Andromeda dove appare anche M31, la Galassia fu scoperta da Al-Sufi.

 

 

Ho completato le singole tavole con una tabella recente che elenca le stelle che compongono le costellazioni secondo il catalogo di Tolomeo. Di ogni stella, la cui posizione è calcolata per il 1900, viene indicato il numero di ordine secondo Tolomeo e secondo Bayli,  il nome moderno e la descrizione della posizione data da Tolomeo. 

 

L'astronomo Greco numera progressivamente ogni stella ricominciando da capo per ogni costellazione. Con il termine Informata indica invece quelle stelle, vicine ad una costellazione, per le quali ha calcolato la posizione ma che ha deciso di non inserire nel disegno della costellazione stessa.

 

Scarica l'intera opera di un'altra copia appartenente al Monastero di Strahov a Praga:

Scarica 9.2 MB

per cortesia di 

Астрономия и телескопы

 

Star Catalogue of Ptolemy

 

 

Perseus e Andromeda

nel più antico esemplare conosciuto del libro di Al-Sufi (1009-1010), il Manuscript Marsh 144, Bodleian Library, Oxford

 

 

 

Sagittario

Traduzione in latino di anonimo, Bologna, XIII

secolo, Manoscritto, 122 ff., 33 x 23,4 cm.
Paris, BnF, Arsenal, ms. 1036 fo 29vo

 

 

Orione

Copia orientale, 1266-67. BNF, Manuscrits orientaux (Arabe 2489)

 

 

Altre costellazioni tratte da diverse edizioni dell'opera di Al-Sufi

 

 

Orsa Maggiore

 

 

 

 

Sagittario

 

 

 

 

 

 

Taurus, Souwar al-kawakib al-thabita, XV secolo, Biblioteca Nazionale di Parigi, Arabe 5036

 

Sull'opera di Al Sufi leggi la presentazione di

Robert H. van Gent

e la pagina del suo sito

http://www.staff.science.uu.nl/~gent0113/alsufi/alsufi.htm

 

 

 

I nomi arabi delle stelle

 

Al Sufi nell'archivio SEDS

 

 

 

ALSUFI 

in

 

 

 

 

 

 

 

www.atlascoelestis.com

di Felice Stoppa

 

Pergamenthandschrift M II 141

 

Le costellazioni boreali

  

  

  

  

  

  

  

  

  

 

Le costellazioni dello zodiaco

  

  

  

  

  

 

Le costellazioni australi

   

  

  

  

  

  

  

 

 

 

Leo

British Library, Or. MS 5323, f,45v

 

Leggi il saggio di

Maria Ausilia Cancemi

che ha esaminato e tradotto il Souwar al-kawakib al-thabita della Biblioteca Nazionale di Parigi, Arabe 5036

e di

Moya Catherine Carey

Painting The Stars In A Century Of Change

A thirteenth-century copy of al-Sufrs Treatise on the Fixed Stars

British Library Or.5323

TESTO   IMMAGINI

 

Leggi

Schjellerup, Description des étoiles Fixes, San Pietroburgo 1874

 

 

VIDEO 

CON FONDO MUSICALE

 

 

Book of Fixed Stars 

 

Biografia in inglese di Al Sufi

 

Biografia in francese di Al Sufi

 

Biografia in tedesco di Al Sufi

 

per cortesia di Wikipedia