Pierre-Jean Mariette, Jodocus Hondius figlio

 

Polus Arcticus, Polus Antarcticus in Nova Totius Terrarum Orbis Geographica Ac Hydrographica Tabula, Parigi 1642

 

 

 

 

 

Pierre-Jean Mariette

Jodocus Hondius figlio

 

 

Polus Arcticus, Polus Antarcticus

in

Nova Totius Terrarum Orbis Geographica Ac Hydrographica Tabula, Parigi 1642

 

 

 

 

 

I due planisferi celesti presentati in questa pagina corredano una carta geografica dei continenti terrestri, cm 38 per 55, prodotta a Parigi intorno al 1642 da Pierre-Jean Mariette che aggiornava una tavola del 1617 di Jodocus Hondius (figlio).

La stessa tavola farà da apertura all’atlante geografico di Pierre Mariette, Theatre Geographique de France, che verrà prodotto a Parigi nel 1653.

 

 L’intero atlante può essere consultato con la nostra tavola alla seguente pagina per cortesia di David Rumsey Map Collection:

 

 

 

https://www.davidrumsey.com/luna/servlet/view/search?q=pub_list_no%3D%2213021.000%22&qvq=q%3Acelestial%3Bsort%3Apub_list_no_initialsort%2Cpub_date%2Cpub_list_no%2Cseries_no%3Blc%3ARUMSEY~8~1&sort=pub_list_no_initialsort%2Cpub_date%2Cpub_list_no%2Cseries_no&os=0

 

La carta di Jodocus Hondius venne utilizzata nel settecento in numerose altre opere sia come parte integrante di un atlante geografico, che come singola mappa, che come foglio volante, integrato da testi, destinato ad essere venduto autonomamente. Di seguito ne riepilogo alcuni esemplari:

 

 

     - Edita da Jollain a Parigi nel 1636

Per cortesia di BnF Gallica:

https://gallica.bnf.fr/ark:/12148/btv1b530933613

 

 

Emisfero celeste boreale

 

Emisfero celeste australe

 

 

 

 

     - Incisa da Henri Le Roy a Parigi nel 1636 e con il contributo editoriale di Jean le Clerc, Michel van Locholm e Christophe Nicolas Tassin., cm 56 x 90.

Per cortesia di Library of Congress:

 

https://www.loc.gov/item/2017585785/

 

 

 

 

  

Emisferi celesti boreale e australe

 

 

 

    - Edita quasi sicuramente ad Amsterdam nel 1655, cm 39 per 57

Per cortesia di Library of Congress:

 

https://www.loc.gov/item/2002622159/

 

 

 

 

Emisferi celesti boreale e australe

 

 

 

 

La tavola

Nova Totius Terrarum Orbis Geographica Ac Hydrographica Tabula, Parigi 1642

 

 

 

Particolari

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Polus Arcticus, Polus Antarcticus

 

 

 

 

 

 

 

 

Il Polus Arcticus  è costruito in proiezione polare eclittica ed in visione convessa, ha per centro il Polo nord eclittico e per circonferenza il cerchio dell’eclittica provvisto di scala graduata al passo di 2°, numerati ogni 30. Raggi di longitudine sono tracciati ogni 30° e suddividono l’eclittica nei dodici archi zodiacali dove ognuno dei segni è richiamato dal proprio simbolo.

Il reticolo equatoriale comprende il polo, il cerchio artico, il cerchio del tropico del Cancro, l’arco di pertinenza del cerchio dell’equatore ed i due coluri.

Manca la costellazione dell’ Orsa Minore mentre delle non tolemaiche sono presenti soltanto il disegno senza nome di Antinous e di Chioma di Berenice. Non tutte le costellazioni disegnate sono accompagnate dal nome proprio.

 

Polo nord eclittico, Chioma di Berenice, manca Ursa Minor

 

Antinoo portato dall'Aquila

 

 

La tavola ha uno scopo soltanto informativo ed è destinato ad un pubblico di non esperti: le stelle sono posizionate con imprecisione, soltanto alcune sono presenti e senza distinzione di magnitudine.

 

 

 

 

Il reticolo del Polus Antarcticus ha le stesse caratteristiche e gli stessi elementi del Polus Arcticus, ovviamente declinati per il cielo meridionale. Identiche considerazioni anche per gli altri elementi che lo compongono. Oltre alle costellazioni tolemaiche sono presenti soltanto 5 delle dodici segnalate dai viaggiatori oceanici dell’ultima parte del cinquecento Keyser e Houtman, costellazioni che erano state ratificate da Bayer nel 1603 nella sua Uranometria: Phoenix, Grus,  Pavo e, senza nome, Triangulum Australe e Dorado.

 

 

  

 Polo sud eclittico, Phoenix, Grus,  Pavo e, senza nome, Triangulum Australe e Dorado

 

 

 

 

www.atlascoelestis.com

di  FELICE STOPPA

MARZO 2019