J. Cassini, J.D.Maraldi, De La Caille, De Mairan

La Comete du mois de Mars 1742, Paris 1745

 

J.Cassini, J.D.Maraldi, De La Caille, De Mairan

La Comete du mois de Mars 1742, Paris 1745

 

 

 

La cometa della primavera 1742 fu scoperta a Parigi da Grant la notte del due marzo in un punto della costellazione  che Cassini, nella sua relazione, chiama ancora con il nome di Antinous, costellazione che ha occupato per quasi milleottocento anni la zona sud dell’odierna Aquila.

 

 Avvisato della scoperta a voce da Grant, Cassini inizia subito le misurazioni e , tempo permettendo, le prosegue dal cielo di Parigi fino al giorno 18 e successivamente, sempre con  Maraldi, dalla specola di Thury, dove osserva la cometa fino al 3 di aprile.

Continua

 

 L’astronomo calcola in 79° e 58’ l’inclinazione dell’orbita sul piano dell’eclittica, mentre, utilizzando un metodo di analisi esposto sempre negli annali delle stesse memorie del 1727, è in grado di valutare che la cometa, tra il 5 e l’11 di marzo, ha mantenuto la sua distanza sempre più vicina alla Terra che al Sole. Cassini determina in 100° l’ampiezza dell’arco di cielo percorso dalla cometa durante il periodo della sua visibilità.

 

La cometa è oggetto di una relazione anche da parte di Maraldi, che ha sempre osservato con Cassini. La posizione della cometa è pubblicata in una tabella che va dal 5 marzo al 6 maggio e viene posizionata rispetto a 23 stelle le cui coordinate, prese dal catalogo di Flamsteed o direttamente calcolate da Maraldi, sono elencate in una tabella allegata alla relazione. 

 Continua

 

Anche l’Abbé De La Caille interviene con una sua lunga memoria che elenca 39 osservazioni  corredate sia da tabelle con relative posizioni della cometa e delle stelle di riferimento che da una carta che riproduce la traiettoria degli ultimi dodici giorni di visibilità dell’astro.

 

Continua

 

Infine una breve nota di De Marain riassume le osservazioni sulla stessa cometa prodotte a Pechino dal gesuita Pereira e ottenute per interessamento del medico portoghese Riberius Sanches. De Marain, che non conosce il catalogo stellare di riferimento utilizzato da Pereira, esprime delle riserve sull’esattezza dei dati presenti nelle tabelle che comunque pubblica.

 

Le quattro memorie appaiono nel 1745 in

 

 

 

Parte del tracciato della cometa fu riportata da P. C. Le Monnier nella tavola

 dell'Hemisphere Boreal 

pubblicato nel 1743 in La Théorie des Cometes

 

 

Consulta gli indici di tutti i volumi dell'

Histoire de l'Académie Royale des Sciences

 Mémoires de Mathématique et de Physique

 

 

 

 

Leggi la voce Comet come appare nel

A New Royal and Universal Dictionary of Arts and Sciences, London 1770-1771, Printed of J. Cooke 

di

M. Hinde, W. Squire, J. Marshall, Thomas Cooke

 

 

Confronta con

Mattheus Seutter

Cometa qui Anno Christi 1742. Apparuit, Ex Observationibus, a die 13 Marty usque ad 15 Aprilis, plusquam. Vigesies quinquies institutis,...

 

 

Eustachio Zanotti, Petronio Matteucci

Osservazioni sopra la cometa dell'anno MDCCXXXXII fatte nella specula dell'Istituto delle Scienze di Bologna Ne'

 mesi di Marzo, e Aprile da Eustachio Zanotti Professore d'Astronomia e da Petronio Mateucci Sostituto nella

 professione astronomica, Bologna 1742 o 1743

 

   

http://www.atlascoelestis.com/Zanotti%201742%20base.htm

 

e

Johann Bernhard Wiedeburg

Astronomische Beschreibung und Nachricht von dem Cometen, welcher im Monath Mertz dieses jetztlauffenden

 Jahres 1742, Jena 1742

http://www.atlascoelestis.com/Wiedeburg%201742%20base.htm


 

 

 

 

www.atlascoelestis.com

di

FELICE STOPPA